Non sentiamo i nostri cuori

Il marito dovrebbe essere la parte migliore di te; l’amico e l’amica dovrebbero essere quelli che ti sostengono al di là di ogni ideologia o di diverso pensiero, a meno che non è un pericolo ciò che fa. L’amicizia in generale dovrebbe scaturire dalla volontà dell’affetto e condividere i giorni anche quelli tristi.
Ma riguardo al compagno della tua vita, tassello importante dei tuoi giorni, dei tuoi cambiamenti…. dovresti trovartelo accanto. Per conto mio ti guardo dall’altro lato dell’oceano e non sentiamo i nostri cuori né il respiro né le parole, ma solo quelle che non sono state dette!

13177591_986654391420900_7992841987141853000_n

Il vuoto del nostro silenzio

Io amo il lunedì, lo amo da quando son diventata più grande, più consapevole che la domenica è un giorno morto. Dove io non ho nulla da fare, guardo gli altri che si riposano dopo un duro lavoro. Io resto sola in casa a guardare le nuvole… nel mio silenzio.
Qui io resto senza parole… dove anche un sorriso potrebbe far rumore; aspetto invano che tu possa volgermi lo sguardo. Ed è follia la mia sperare che tu possa cambiare, il cuore non cambia a comando, se ciò non c’è è perchè non sente. Così ciò che rimane del giorno è il vuoto del nostro silenzio.

thm_1-sommertraum

 

Un’altra stagione è passata

Così al solito… sta passando il tempo.
Passa un’altra stagione, ed è diverso?
Mi chiedo sarà l’età che cambia il tempo?
Sarà il percorso che ho consumato le nostre strade?
Quello che è importante resterà,
si, resterà attaccato alla mia pelle, alla tua, ed è importante… forse la più importante.
Io mi conosco, so cosa voglio e dove vado, farai lo stesso?
Aspetterò al solito che passi il tempo, ma se passa troppo,
sarà un immenso cielo ed un immenso mare.

photo

Mi lego alle piccole e semplici cose

Cerco di aggrapparmi, mi lego alle piccole e semplici cose… già, mi aggancio alle piccolissime cose, sono diventata collezionista del microcosmo. Vado nei sentieri ad assaporare il profumo dei prati, della terra bagnata dopo la pioggia. La nepitella, la pulicaria e l’origano,  creano nell’aria colori d’emozioni. Brilla il silenzio. Può un luogo vasto e silente riempire o svuotare troppo la mente? Galleggio in questo spazio confondendomi come un puntino che non ha confini, ma il dolore della solitudine interna mi fa sentire così grande e lo spazio invece, diventa piccola cosa. E’ strano pensare che sono io a dare valore quando le cose appaiano diverse a tutti gli altri.

el-renacer-de-las-flores_5_697916